A tre anni

Io ho una gran fortuna, una figlia leggera, trenne, ancora amante delle coccole in fascia o marsupio.  Fortuna perché a tre anni (e più), parla tanto, a volte anche troppo, ma ti sa spiegare bene tutto, se è scomoda, se sta bene, se ho tirato troppo o troppo poco. Con un treenne non c’è scampo, se sbagli te lo dice. Ti racconta anche quello che vede, ti rende partecipe del suo sguardo, ti riesci a stupire con lui perchè sebbene avete gli occhi alla stessa altezza,  vedete due mondi diversi. A tre anni è fortunatamente leggere e se la porti a lungo, molto molto a lungo, magari la differenza con i kg in più se sentono. Già perchè anche a quest’età capita di portare a lungo, si ammalano ancora (ahimè) e li santa santissima fascia; decidi di fare proprio quella passeggiata che il K2 ti sembra nulla e pure li santa santissima fascia; ti attardi a cenare fuori e ehmmm il passeggino/casa/auto non è esattamente li dove lo vorresti, allora in groppa alla mamma o papà e si dorme così. Quindi si, si porta a lungo. Ma la fortuna più grande è che ancora ci sta bene, ora me lo dice, mamma sto bene quando sono in groppa, la senti, si rilassa, appoggia la testa sulla tua schiena, ti da la mano, senti che respira piano e si gode questa coccola esclusiva. Non solo con lei, la figlia “leggera”, ma anche con il figlio “meno leggero” senti questa magia. Lui che corre, si arrampica, non sta fermo un attimo, lo prendi, lo marsupi e lo senti rilassato su di te. A tre anni però sai che quello forse è l’ultimo giro in marsupio che faranno, allora ogni volta te lo godi un pò, ti permetti di ascoltare il respiro, la manina che si muove tra i corpi, assaporando quegli istanti come gocce preziose.

A tre anni ogni giro che fanno è un regalo, è un regalo meraviglioso che credo di avergli fatto ogni volta che mi chiamano per mettere in marsupio la bambola, il pupazzo, la macchina, perchè li si sta bene, non c’è posto diverso e più sicuro in cui si può stare. La gioia di quest’ età è anche sentirsi dire, mamma sei un pò stanca,, perchè non ti mette papà in marsupio e riposi? (c’è anche un ” mamma ti vedo agitata, vai in fascia cosi ti calmi un pò……….”)

Ecco, io sono fortunata, perchè continuare a portare a lungo mi ha permesso di conoscere un pò meglio dai miei figli l’altro lato del portare, quello che teorizzo, studio, ma che loro ti dico con una semplicità disarmante.

Infine… ti permettono di provare e domare prima le fasce nuove della fascioteca,  anche quello non è male 😉

 

You may also like...